La Voce 28 - marzo 2008

05 - Ai compagni operai di Torino
uccisi dai padroni della Thyssen Krupp il 6 dicembre 2007

giovedì 6 marzo 2008.
 

Giuseppe Demasi, 26 anni

Angelo Laurino, 43 anni

Rocco Marzo, 54 anni

Rosario Rodin˛, 26 anni

Bruno Santino, 26 anni

Antonio Schiavone, 36 anni

Roberto Scola, 32 anni

I nostri simboli!

Muore chi soffoca i propri sentimenti,

muore chi spezza un fiore, muore chi reprime le proprie passioni,

muore chi ostacola la propria crescita verso il nuovo, muore chi vuole fermare la crescita di un bambino,

muore chi non odia le ingiustizie del mondo borghese, muore chi non piange i nostri morti (proletari),

muore chi parte sconfitto nella lotta di classe, muore chi non crede a un mondo possibile (socialismo),

Ŕ giÓ morto chi confronta la miseria con i nostri simboli.

Vive chi Ŕ orgoglioso della nostra storia, vive chi non dimentica chi eravamo e chi siamo,

vive chi mette sul petto la nostra storia,

vivrÓ nella storia chi onora i compagni caduti e gli operai della Thyssen Krupp di Torino.

Ora e sempre resistenza!

 

Il Segretario Generale del Sindacato
Lavoratori in Lotta - per il sindacato di classe.

Luigi Sito

 

 

Su proposta del Comitato di Partito “6 dicembre 2007”, la redazione ha applicato il principio che i versi, come le idee, sono di chi li usa. Si scusa con l’autore per non averlo interpellato e si augura che sarÓ felice dell’uso che la redazione ha fatto del suo omaggio ai nostri comuni compagni operai caduti nella lotta di classe.